Navigation

CN: Swisscoy; partecipazione svizzera a KFOR va prorogata

Il Nazionale è d'accordo di prorogare la partecipazione svizzera alla Kfor in Kosovo KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2020 - 16:24
(Keystone-ATS)

Nonostante non manchi chi si interroga sul senso dell'attuale impegno militare elvetico in Kosovo, il Consiglio nazionale è d'accordo di prorogare l'impiego della Swisscoy fino a fine 2023 e di approvare un aumento degli effettivi. Il dossier passa ora agli Stati.

Prima della dell'interruzione dei lavori e della deliberazione di dettaglio, la Camera del popolo ha oggi respinto una proposta di non entrata in materia di Verdi e democentristi. Il plenum ha inoltre bocciato una proposta degli ecologisti di rinviare il progetto al Consiglio federale, al fine di ritirare tutta la Swisscoy entro fine 2020. Marionna Schlatter (Verdi/ZH), ha tentato invano di convincere il plenum di trasferire le corrispondenti risorse alla promozione civile della pace per destinarle a progetti di aiuto allo sviluppo in Kosovo.

La maggioranza, ha sottolineato François Pointet (PVL/VD) a nome della commissione, ritiene che la situazione politica e di sicurezza in Kosovo continui a richiedere la presenza della Forza multinazionale per il mantenimento della pace (KFOR) e che l'impiego della Swisscoy sia ragionevole, necessario e non ponga problemi dal profilo del diritto della neutralità.

La Svizzera ha fra l'altro un certo interesse nel contribuire alla stabilità del Kosovo, ha spiegato Priska Seiler-Graf (PS/ZH), anche considerando la forte presenza nella Confederazione di persone di origine kosovara.

Il deterioramento delle relazioni tra Belgrado e Pristina avvenuto negli ultimi anni ha determinato, secondo la consigliera federale Viola Amherd, una recrudescenza delle tensioni e degli incidenti provocati da entrambe le parti potrebbero avere conseguenze immediate sulla Svizzera, in particolare dal punto di vista migratorio.

Una minoranza, composta come detto da UDC e Verdi, era invece di parere opposto: secondo Erich Hess (UDC/BE), è sbagliato mantenere un impiego militare all'estero in quanto la Svizzera è un Paese neutrale. Per gli ecologisti, l'impiego della Swisscoy non deve diventare un compito permanente e che dopo vent'anni esso dovrebbe concludersi.

Nella deliberazione di dettaglio, vi sono stati soltanto un paio di punti controversi: è stata respinta - con 102 voti contro 80 e 3 astenuti - una richiesta di limitare gli effettivi massimi del contingente a 165 militi (invece di 195). Con le medesime proporzioni è stata anche bocciata una proposta volta ad impedire che il Consiglio federale possa aumentare a breve termine il contingente di 50 militi per la manutenzione e di 20 militi per la sicurezza in caso di aggravamento della minaccia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.