Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I costi delle prestazioni complementari (PC) preoccupano il Parlamento. Oggi il Nazionale nell'affrontare la riforma delle PC potrebbe decidere un taglio di 500 milioni di franchi, ossia il doppio di quanto proposto dai "senatori".

L'idea di vietare ai pensionati di ricevere il loro secondo pilastro come capitale divide i diversi schieramenti.

Il volume delle prestazioni complementari all'AVS e all'AI è più che raddoppiato tra il 2010 e il 2015 per raggiungere i 4,8 miliardi di franchi. Con la proposta di obbligare i pensionati ad ottenere i loro averi di vecchiaia sotto forma di rendita si dovrebbe evitare che taluni dilapidino il loro capitale prima di sollecitare le PC.

Se il Consiglio degli Stati l'ha facilmente accettata, nulla è deciso al Nazionale. Ritenendo che occorra dare fiducia ai pensionati, taluni difendono lo status quo. Altri sostengono invece il divieto completo dei prelievi di capitale del secondo pilastro. La maggioranza potrebbe proporre un compromesso e imporre la rendita soltanto per la metà degli averi di vecchiaia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS