Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un esercito più piccolo, ma meglio equipaggiato e pronto ad essere mobilitato rapidamente in caso di eventi eccezionali. Sono queste le linee guida della riforma dell'armata elaborata dal Consiglio federale, testo che il Consiglio nazionale sta esaminando.

Nelle intenzioni della commissione preparatoria, l'armata del futuro dovrebbe poter contare su 100 mila soldati, mentre la scuola reclute dovrebbe durare 18 settimane.

I corsi di ripetizione - 6 - dovrebbero durare tre settimane, invece di 2 come proposto dal Consiglio federale. Soldati e quadri dovrebbero essere meglio formati ed equipaggiati. Il budget annuale di 5 miliardi di franchi l'anno dovrebbe inoltre essere iscritto nella legge.

Per la deputata ecologista Aline Trede (Verdi/BE), governo e commissione hanno proposto una modernizzazione dell'esercito che tale non è. A suo avviso, alla base dell'intera riforma manca un'analisi seria sui pericoli alla nostra sicurezza. Per la consigliera nazionale bernese, gli effettivi andrebbero ridotti a non più 80 mila uomini, come previsto dallo stesso Consiglio federale 4 anni fa, per un bilancio annuale di 4,4 miliardi l'anno.

Oltre a respingere l'idea di iscrivere nella legge un budget annuale fisso di 5 miliardi, Trede ha criticato l'idea degli impieghi civili per la truppa. Compiti civili vano lasciati ai civili, ha sostenuto la deputata bernese.

Per gli altri gruppi (PPD/PBD/Verdi liberali/PLR, UDC), la taglia dell'esercito attuale rappresenta già un massiccio taglio negli effettivi. Questa diminuzione va compensata con un miglioramento dell'istruzione e dell'equipaggiamento per preservare la credibilità della difesa. Quanto ai mezzi finanziari l'esercito, è stato ricordato, è il settore che ha risparmiato di più negli ultimi anni.

Diversi oratori hanno ricordato che, oltre alle nuove sfide alla sicurezza rappresentate dal terrorismo e dagli attacchi informatici, la situazione geopolitica in Europa è cambiata, come dimostra la crisi in Ucraina.

Per il consigliere federale Ueli Maurer, la riduzione dell'esercito - da 200 a 100 mila uomini - rappresenta già un taglio notevole. Il ministro della difesa ha rammentato anche la difficile situazione geopolitica attuale e la corsa agli armamenti, tecnologicamente sempre più avanzati, di numerosi Stati.

Il ministro democentrista ha sostenuto che la riforma tiene conto anche delle nuove minacce, legate alla diffusione di Internet. L'esercito, ha aggiunto, dev'essere sempre in misura di adeguarsi all'evoluzione della minaccia. Il ritmo di queste riforme non fa che rispecchiare questa realtà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS