Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una delegazione bernese si recherà nei prossimi giorni a Monaco di Baviera per farsi un'idea della collezione di opere d'arte lasciate al Kunstmuseum della città federale dall'81enne Cornelius Gurlitt, deceduto martedì. Lo ha riferito oggi all'ats il direttore del museo Matthias Frehner.

Alcune tele sarebbero state sottratte a cittadini ebrei dai nazisti. Il Kunstmuseum intende accettare solo opere la cui origine è stata accertata, ha sottolineato Frehner.

Nessuno ha finora avuto una visione d'insieme della collezione di Gurlitt, ha aggiunto il direttore del museo d'arte di Berna, precisando che il tesoro è conservato in un luogo sicuro.

Una équipe di specialisti tedeschi è già stata costituita per stabilire la provenienza delle opere. Prima della sua morte Cornelius Gurlitt aveva concluso un accordo con lo Stato tedesco per restituire agli aventi diritto le tele che erano oggetto di spoliazioni naziste.

Ieri il Kunstmuseum di Berna è stato informato tramite una telefonata e un messaggio scritto dell'avvocato di Gurlitt, che l'81enne ha lasciato le opere in suo possesso al museo d'arte della città federale. La notizia ha provocato nell'istituto uno stupore generale in quanto a suo dire con Gurlitt non aveva mai intrattenuto la benché minima relazione.

SDA-ATS