Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BOGOTA' - La continuità, sulla scia di quanto fatto negli ultimi otto anni da Alvaro Uribe contro la guerriglia, e non solo: è il probabile esito del ballottaggio oggi in Colombia, dove il 'delfino' politico del presidente uscente, il conservatore Juan Manuel Santos, è grande favorito nei confronti del 'verde' moderato Antanas Mockus.
Al primo turno, lo scorso 20 maggio, il candidato del Partito Sociale di Unità Nazionale aveva ottenuto più del doppio dei voti di Mockus. Al 'balotaje' di oggi, il primo è arrivato con il 67% delle intenzioni di voto, contro il 29% del rappresentante del 'Partido Verde'.
Più che il risultato elettorale a interessare in queste ore tanti colombiani è stato il casuale intreccio creatosi tra il voto e il calcio. Sia Santos sia Mockus, ma anche Uribe, hanno infatti chiesto ai propri connazionali di rubare un po' di tempo ai mondiali e andare alle urne, visto che al primo turno l'astensionismo ha superato il 50% e oggi questo dato potrebbe addirittura essere superiore: anche per la partita tra la Costa d'Avorio e il Brasile, grande favorita di tanti tifosi in Colombia, assente in Sudafrica.
L'altro fattore che spinge a favore dell'astensionismo è di natura strettamente politica, e cioé il grande scarto di Santos nei confronti di Mockus, il leader 'verde' destinato probabilmente a rimanere solo una promessa in vista di prossimi appuntamenti presidenziali.

SDA-ATS