Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un furto che per l'intera Colombia è molto di più, una profanazione, un insulto. Una copia della prima storica edizione del 1967 di "Cent'anni di solitudine" firmata da Gabriel Garcia Marquez è scomparsa da uno dei padiglioni della Fiera del Libro in corso a Bogotà.

L'indignazione dei colombiani è pari alla sorpresa per quello che finora sembra un colpo perfetto.

"All'interno del padiglione c'erano due guardiani e venti funzionari. Le vetrine dei nostri libri sono chiuse a chiave, non so come abbiano fatto. Alcuni visitatori ci hanno detto di aver visto la copia, che cinque minuti dopo non c'era più", ha raccontato David Roa, dell'Associazione colombiana dei librai indipendenti, responsabile del padiglione 'Macondo', nel quale si trovava la copia di "Cent'anni" insieme ad altri esemplari pregiati dei romanzi di Gabo.

Sia Roa sia altri funzionari della Fiera assicurano che poteva andare anche peggio, visto appunto che i libri esposti del Nobel scomparso il 17 aprile dell'anno scorso erano diversi. Evidentemente i ladri hanno avuto tempo per portare via solo uno dei volumi.

A non credere quanto successo è Alvaro Castillo, il libraio che ha subito il furto del romanzo pubblicato dalla Editorial Sudamericana nella prima edizione dei "Cien aos de soledad' uscita nel 1967 in ottomila esemplari.

"È terribile, siamo tutti i colombiani ad essere stati derubati. Sono molto triste, mai più tornerò a dare niente per esibizioni, e tanto meno alla Fiera del libro", ha precisato Castillo, che ha prestato alla rassegna di Bogotà trentadue volumi della sua collezione privata, tra i quali proprio il libro con una dedica scritta da Gabo: "Per me quella copia non ha un prezzo, è un esemplare - ha sottolineato - firmato da un amico".

Subito dopo la scoperta del furto, avvenuta sabato, tra gli organizzatori della Fiera è scattata la caccia al ladro. "Abbiamo chiesto alla sicurezza di chiudere le uscite e di controllare chi lasciava la rassegna. È stato inutile, anche perché non sappiamo il momento esatto del furto", hanno precisato. E sarà infatti difficile capire quanto successo anche in futuro: la Fiera viene infatti visitata in media da 50 mila persone al giorno e per di più - sottolinea sdegnata la stampa locale - il padiglione 'Macondo' non era custodito dalle telecamere della sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS