Navigation

Colombia: salito a 36 morti bilancio incendio autocisterna

Il denso fumo sprigionatosi in seguito all'incidente (foto d'archivio) sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2020 - 20:08
(Keystone-ATS)

Una settimana dopo l'incidente in cui un camion cisterna che trasportava carburante si è rovesciato ed è esploso in Colombia, il bilancio dei morti ha raggiunto quota 36 persone.

Sette sono rimaste uccise carbonizzate sul posto e altre 29 sono decedute in ospedale per le ferite riportate. Lo riporta il sito del quotidiano El Espectador.

Nell'incidente avvenuto il 6 luglio nel comune di Puebloviejo, dipartimento di Magdalena, il camion si è ribaltato nel tentativo del conducente di schivare un animale, e decine di persone si sono avvicinate al mezzo per rubare il carburante che trasportava.

Durante il saccheggio, la benzina ha preso fuoco e le fiamme hanno ucciso immediatamente sette persone e ustionato altre 49. Come ha spiegato il governatore di Magdalena, Carlos Caicedo, nel dipartimento non esiste un reparto per gli ustionati, quindi i feriti con ustioni di secondo e terzo grado sono stati trasferiti a Barranquilla, Valledupar e Bogotá.

Durante la settimana il bilancio dei morti è cresciuto sempre di più e durante questo fine settimana sono morte sei persone. Di fronte all'aumento dei morti, il governatore Caicedo ha decretato la scorsa settimana lo stato di calamità pubblica nel dipartimento, per fornire aiuto ai familiari delle vittime.

Il sindaco di Puebloviejo, Fabian David Obispo, ha riferito che sono stati forniti aiuti umanitari e logistici alle famiglie colpite dalla tragedia. Inoltre, il comune ha decretato 15 giorni di lutto cittadino.

Il sindaco ha ringraziato per la solidarietà delle città del Paese che hanno accolto i feriti e ha riferito che le autorità stanno lavorando per ridare i corpi delle vittime ai loro parenti per poterli seppellire. "Abbiamo chiesto al governo del dipartimento e ai funzionari di medicina legale delle città di aiutarci ad accelerare i processi di identificazione" delle vittime, ha detto.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.