Navigation

Colombia: sicario di Escobar, 3000 omicidi

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2013 - 20:53
(Keystone-ATS)

"Ho partecipato e coordinato circa 3000 omicidi", e ucciso "personalmente" 300 persone: lo afferma senza ombra di imbarazzo Jhon Jairo Velasquez Vasquez, spietato killer conosciuto col nomignolo di 'Popeye', in un'intervista a un settimanale nel quale viene presentato come "l'ultimo sopravvissuto tra i sicari" di fiducia del capo del cartello di Medellin, Pablo Escobar, ucciso nel 1993.

Popeye uscirà fra qualche giorno dal carcere dove ha trascorso 25 anni. In una lunga intervista a Semana, sostiene che Escobar "era un genio, forse del male, ma un genio. riusciva a scoprire le bugie del tuo cervello. Se si accorgeva che non dicevi la verità, rischiavi di pagare con la vita".

"Non era un assassino, credo che non abbia ucciso più di 20 persone", insiste il killer secondo un'interpretazione piuttosto personale del termine 'assassino'. "Era un leader, un organizzatore di banditi e un grande sequestratore", aggiunge ancora il 'braccio destro di Escobar', che racconta inoltre come il suo "principale" gli abbia ordinato di uccidere una fidanzata, precedentemente compagna dello stesso Escobar.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.