Navigation

COMCO: multa a 17 imprese edili argoviesi che si spartivano mercato

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 gennaio 2012 - 10:02
(Keystone-ATS)

La Commissione della concorrenza (COMCO) ha multato per complessivi 4 milioni di franchi 17 aziende attive in Argovia nel settore della costruzione. Attraverso accordi illeciti le imprese si spartivano il mercato.

L'inchiesta, avviata nel giugno del 2009 con una perquisizione, ha dimostrato che le società coinvolte si sono messe d'accordo su un centinaio di gare d'appalto, pubbliche e private, nel periodo che va dal 2006 al 2009, informa la COMCO in un comunicato odierno. Gli imprenditori coordinavano prezzi e offerte, in modo da suddividersi i progetti e i clienti.

Le sanzioni sono state calcolate sulla base del giro d'affari delle aziende sul mercato in questione, nonché della gravità della restrizione alla concorrenza. Le multe più salate hanno interessato la Umbricht di Turgi (AG), che dovrà pagare 1,44 milioni di franchi, la Granella di Würenlingen (AG), sanzionata con 644'000 franchi, la Implenia di Buchs (AG), che sarà tenuta a regolare una fattura di 590'000 franchi e la Erne di Laufenburg (AG), che dovrà corrispondere 483'000 franchi. È comunque ancora aperta la via del ricorso al Tribunale amministrativo federale.

Sette imprese hanno cooperato durante l'inchiesta e hanno così beneficiato di una riduzione della multa, una di queste integrale. Queste aziende hanno approfittato del cosiddetto "programma di clemenza", introdotto nel 2003 nella legge sui cartelli. Esso permette alle ditte che cooperano alla scoperta e all'eliminazione soppressione di restrizioni alla concorrenza di essere liberate, totalmente o in parte, da una sanzione. Se le condizioni legali sono soddisfatte, la prima impresa che fornisce informazioni pertinenti può ottenere una riduzione della sanzione del 100%, tutte le altre fino al 50%.

L'indagine nei confronti di un'altra azienda interessata dall'inchiesta - la 19esima, con sede nel canton Zurigo - è stata per contro archiviata. Prosegue intanto un procedimento parallelo riguardante la costruzione di strade e l'edilizia nello stesso canton Zurigo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?