Navigation

Comitato Egerkingen deve ritirare manifesti anti-PLR su Islam

Un manifesto che non è piaciuto alle persone rappresentate. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2019 - 16:17
(Keystone-ATS)

Prima, parziale vittoria giudiziaria per il PLR svizzero e quattro sue personalità di punta, prese di mira da un manifesto elettorale che le accusava di proteggere l'Islam radicale: con una misura cautelare un tribunale zurighese ha imposto il ritiro dei cartelloni.

Con una decisione superprovvisionale (una misura cautelare senza ascolto della parte avversa) il giudice distrettuale di Andelfingen (ZH) ha ritenuto plausibile che il manifesto violi la personalità dei quattro interessati, vale a dire la presidente liberale radicale Petra Gössi, il capogruppo Beat Walti e i consiglieri nazionali bernesi Christian Wasserfallen e Christa Markwalder. I loro volti sono stati usati senza autorizzazione e pure il criterio dell'urgenza del provvedimento è ritenuto adempiuto, visto il rapporto diretto con le elezioni federali.

Autore della campagna di affissioni, il Comitato di Egerkingen - gruppo politico all'origine dell'iniziativa sui minareti, accolta dal popolo nel 2009, e di quella sulla dissimulazione del viso (anti burka), affrontata la settimana scorsa dal parlamento federale - deve ora togliere dalla circolazione (anche dal web) il soggetto. La vertenza giuridica non è però conclusa: il Comitato ha dieci giorni di tempo per prendere posizione, poi la corte tornerà ad esprimersi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.