Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Commercio al dettaglio: a febbraio vendite in netto calo

Netto colpo di freno in febbraio delle vendite nei negozi svizzeri: rispetto allo stesso mese del 2014 il giro d'affari del commercio al dettaglio è diminuito del 2,7% in termini reali.

A livello nominale, vale a dire senza l'effetto delle correzioni apportate per compensare i diversi giorni di vendita e le festività, la flessione è stata del 4,1%, comunica oggi l'Ufficio federale di statistica (UST). Nel confronto con gennaio si è assistito a una contrazione dell'1,2% reale e del 2,1% nominale.

L'UST non mette in esplicita relazione questi dati con il rafforzamento del franco. Ma la flessione insolitamente marcata interviene nel mese successivo all'abolizione del cambio minimo euro/franco: la mossa della Banca nazionale risale infatti al 15 gennaio e la nuova realtà creatasi ha fortemente favorito il turismo degli acquisti oltre frontiera. Il giro d'affari era peraltro già calato dello 0,3% in gennaio.

Era dal 2003 che il commercio al dettaglio non subiva un arretramento annuo così marcato. Klaus Abberger, economista presso il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF), afferma di non voler ancora eccedere nelle interpretazioni: ma a suo avviso è chiaro che sono all'opera fattori economici che premono in negativo sulle vendite.

Il franco forte - spiega - rende più attraenti le compere all'estero e le discussioni sulla tenuta dell'economia e dei posti di lavoro rende più insicuri i consumatori, spingendoli alla cautela. Un altro fattore da considerare, secondo Abberger, sono i prezzi in calo: diversi negozianti hanno infatti reagito con sconti alla pressione dovuta alla fine del cambio minimo.

Per Adrian Wyss, direttore della Swiss Retail Federation, l'organizzazione dei commercianti, il problema è proprio il franco forte. "I consumatori elvetici vanno oltre frontiera, specialmente per i grandi acquisti del sabato", si rammarica.

I venditori svizzeri risultano penalizzati dagli orari restrittivi dei negozi. Inoltre all'estero i parcheggi sono gratis, mentre in Svizzera costano molto. "Le condizioni quadro devono cambiare", sostiene Wyss. A suo avviso il settore ha reagito rapidamente allo shock e sarà in grado di sopportare il colpo, ma la tendenza di fondo dà da pensare. Tanto più che in gioco vi sono impieghi, posti di formazione e anche entrate IVA per lo stato.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.