Navigation

Commercio al dettaglio, aumentano le vendite

Si compra di più, ma soprattutto su internet. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2020 - 09:00
(Keystone-ATS)

Sensibile aumento delle vendite nei negozi durante il mese di luglio: il giro d'affari del commercio al dettaglio è salito del 3,4% rispetto allo stesso mese del 2019, tenendo conto delle correzioni apportate per compensare i diversi giorni di vendita e le festività.

In confronto a giugno si osserva una progressione - al netto delle variazioni stagionali - dello 0,7%, ha indicato oggi l'Ufficio federale di statistica (UST). I dati indicati sono nominali: in termini reali, vale a dire considerando anche il rincaro, le variazioni sono rispettivamente di +4,1% (annuo) e del +0,7% (mensile; dato uguale a quello nominale).

Se si escludono i distributori di benzina (dove sugli importi in gioco incide il prezzo del petrolio) l'incremento sull'arco dell'anno è del 5,0% nominale e del 5,6% reale. In confronto a giugno i dati sono entrambi del +0,8%.

Andando nei singoli comparti e rimanendo a livello nominale, per le stazioni di servizio si segnala un -16% annuo. I prodotti alimentari segnano +8,8%, il comparto non alimentare +1,4%. In quest'ultimo settore spiccano comunque i forti aumenti nei segmenti "oggetti di uso domestico in esercizi specializzati" (+16%) e "bancarelle del mercato, commercio per corrispondenza e attraverso internet" (+14%). Per contro i rami "articoli culturali e ricreativi" (-8,8%) nonché "articoli di abbigliamento, medicinali, orologi e articoli di gioielleria" (-1,5%) non mostrano ancora alcuna ripresa.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.