Navigation

Commercio al dettaglio: fatturato crolla di un quinto in aprile

Un negozio chiuso a Bellinzona a causa delle misure di contenimento dell'epidemia di Covid-19. Keystone/KEYSTONE/TI-PRESS/ALESSANDRO CRINARI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2020 - 09:56
(Keystone-ATS)

In aprile il giro d'affari del commercio al dettaglio corretto in base all'effetto dei giorni di vendita e dei giorni festivi è diminuito in termini nominali del 20,6% rispetto allo stesso mese del 2019. Ma anche rispetto a marzo risulta un forte calo.

Ciò evidentemente a causa delle misure di contenimento dell'epidemia di Covid-19, che hanno comportato la chiusura di tutti i negozi non essenziali. In termini reali - ossia tenendo conto del rincaro - la contrazione annuale è del 19,9%, secondo i risultati provvisori pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Il mese scorso il commercio al dettaglio, distributori di benzina esclusi, ha registrato una riduzione delle vendite pari al 19,5% in termini nominali (-19,0% in termini reali). Per quanto riguarda le stazioni di servizio, invece, si rilevano perdite di fatturato pari al 33,8% (-24,1% tenendo conto dell'inflazione).

Il commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacchi ha segnato un aumento del giro d'affari del 4,0% in termini nominali (in termini reali +3,5%), il comparto non alimentare un calo di rispettivamente il 41,0 e il -40,2%.

I rami maggiormente colpiti dalla crisi sono stati "altri prodotti", ovvero articoli di abbigliamento, medicinali, orologi e articoli di gioielleria (-55,8%/-55,5%) e "altri oggetti di uso domestico in esercizi specializzati" (-45,9%/-44,9%).

Sono invece stati registrati incrementi delle vendite nei rami "bancarelle del mercato, commercio per corrispondenza e attraverso Internet" (+22,2%/+23,0%) e "apparecchiature di informazione e comunicazione" (+3,9%/+12,1%).

Forti diminuzioni anche rispetto a marzo

Rispetto a marzo la flessione del giro d'affari è del 14,8% in termini nominali e del 14,7% in termini reali. Distributori di benzina esclusi, la riduzione è del 14,9% senza considerare il rincaro e del 14,8% tenendone invece conto.

Nel commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacchi il fatturato è regredito del 4,5% in termini nominali e del 5,0% in termini reali mentre nel comparto non alimentare la diminuzione è stata rispettivamente del 28,0 e del 27,6%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.