Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Malgrado il franco forte, in febbraio il commercio estero svizzero ha fatto registrare un inatteso aumento delle esportazioni del 10,4% a 16,5 miliardi di franchi. In crescita anche le importazioni, salite del 2,2% a 14 miliardi. Sull'arco di un anno la bilancia commerciale ha raddoppiato il surplus stabilendosi a 2,5 miliardi, afferma oggi l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) in una nota.

Il maggior aumento delle esportazioni riguarda l'industria delle macchine e dell'elettronica (+19,9% a 3,2 miliardi di franchi). Segue l'orologeria che avanza del 17,8% a 1,4 miliardi. Bene anche l'industria metallurgica (+17,2% a 1,13 miliardi di franchi). Il principale settore d'esportazione, quello dell'industria chimica, avanza del 6,4% a 6,4 miliardi, di cui 5,06 miliardi (+7,6%) per il solo settore farmaceutico.

In calo invece (-2,8% a 576 milioni) l'industria delle derrate alimentali, delle bevande e del tabacco. Nei due mesi del 2011, le esportazioni sono aumentate dell'8,3% a 31,9 miliardi di franchi.

Le importazioni sono aumentante in febbraio del 2,2% a 14 miliardi di franchi (+3% in termini reali), con prezzi in ribasso dello 0,7%. Su due mesi, la crescita è stata del 5,9% a 27,4 miliardi.

In calo i beni di consumo (-5,5% su un anno a 5,9 miliardi di franchi), mentre i beni d'equipaggiamento sono aumentati (+7,8% a 3,4 miliardi). Le materie prime e i semi lavorati sono avanzati dell'8,5% a 3,6 miliardi e i prodotti energetici (come il petrolio) dell'11,3% a 1,2 miliardi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS