Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Commissione della politica estera del Consiglio nazionale raccomanda al plenum di ratificare l'estensione alla Croazia dell'accordo sulla libera circolazione delle persone, firmato dalla Svizzera a Bruxelles all'inizio di marzo.

La decisione è stata presa con 17 voti contro 7, indica una nota dei Servizi del parlamento. Diverse proposte di modifica sono state bocciate. Con 16 voti contro 7, in particolare, è stata respinta la proposta di ratificare il protocollo aggiuntivo all'accordo soltanto una volta applicata l'iniziativa popolare sull'immigrazione di massa divenuta articolo costituzionale. Il protocollo è così pronto per la discussione nel Consiglio nazionale a fine aprile.

Il testo era stato bloccato dal Consiglio federale all'indomani della votazione del 9 febbraio 2014, quando il popolo svizzero aveva detto di "sì" all'iniziativa UDC e l'Unione europea aveva reagito con misure di ritorsione, prima fra tutte la sospensione della partecipazione elvetica al programma europeo di ricerca "Orizzonte 2020" (progetti per la ricerca e l'innovazione) e a "Erasmus+" (scambio di studenti).

Il governo ha sbloccato le cose annunciando che avrebbe rispettato la libera circolazione anche senza accordo e versato alla Croazia (che è membro dell'UE dal primo luglio 2013) i 45 milioni di aiuti previsti. La Svizzera ha così potuto venir parzialmente riassociata ai due programmi europei fino al 2016. La ratifica dell'accordo con Zagabria dovrebbe sfociare nella piena integrazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS