Navigation

Commissione CN: inasprire l'ammissione al servizio civile

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 agosto 2010 - 17:10
(Keystone-ATS)

BERNA - L'accesso al servizio civile potrebbe essere limitato. La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale vuole infatti rivedere la legge "per rimediare efficacemente e il più rapidamente possibile alla carenza di effettivi dell'esercito", dovuta al crescente numero di giovani che optano per il servizio civile.
Con 16 voti contro 8, la commissione ha così dato seguito a due iniziative parlamentari, ha indicato oggi alla stampa il suo presidente Jakob Büchler (PPD/SG). La prima, depositata da Thomas Hurter (UDC/SH), vuole reintrodurre l'esame di coscienza. La seconda, messa a punto dalla commissione, vuole impedire che le persone per le quali il servizio militare non solleva un problema di coscienza voltino le spalle all'esercito.
Le misure adottate dal Consiglio federale per arginare l'afflusso di aspiranti al servizio civile non bastano, ha sottolineato Jakob Büchler. La maggioranza della commissione postula così la reintroduzione dell'esame di coscienza o una proroga supplementare della durata del servizio civile per i candidati che non hanno un motivo preciso.
La posizione in materia della commissione del Nazionale diverge da quella analoga degli Stati che, la settimana scorsa, si era pronunciata contro una revisione della legge. In questo momento - aveva fatto sapere - una revisione sarebbe prematura, visto che la legge è in vigore soltanto dal primo aprile 2009.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.