Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Lex Koller sarà mantenuta ma non per forza resa più severa. Con una maggioranza risicata la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati ha deciso di invitare il plenum a respingere due mozioni della consigliera nazionale Jacqueline Badran (PS/ZH), sostenute dal Governo, che chiedono di inasprire la legge federale sull'acquisto di fondi da parte di persone all'estero.

La prima mozione della socialista - respinta con 7 voti contro 5 e un'astensione - chiede che gli immobili destinati all'esercizio di un'attività economica siano nuovamente assoggettati all'obbligo di autorizzazione della Lex Koller.

La commissione ha respinto con 7 voti contro 6 anche la seconda proposta che vorrebbe abrogare i privilegi di cui godono le persone all'estero per l'acquisto di partecipazioni a fondi immobiliari e a società immobiliari quotate in borsa.

Secondo la maggioranza della Commissione, le misure proposte non permetteranno di frenare l'attuale aumento dei prezzi sul mercato immobiliare elvetico e neppure di risolvere i problemi che ne derivano.

La minoranza ritiene per contro che un intervento del governo in questo settore sia opportuno.

SDA-ATS