Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Commissione intende ridurre budget scambio studenti 2018-2020. Nella foto la presidente della Commissione delle finanze del Nazionale Margret Kiener Nellen (PS/BE). Foto d'archivio.

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

La Svizzera non deve reintegrare il programma di scambio europeo di studenti Erasmus+ prima del 2021. La soluzione nazionale voluta dal Consiglio federale per gli anni 2018-2020 piace alla Commissione delle finanze del Nazionale.

Quest'ultima propone tuttavia, con 13 voti contro 11, di ridurre di 9,3 milioni il credito complessivo a 105,2 milioni di franchi, rinunciando a promuovere la cooperazione internazionale tra le istituzioni e gli attori della formazione svizzeri ed esteri, si legge in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento.

È inoltre stata respinta, con il voto decisivo della presidente della commissione Margret Kiener Nellen (PS/BE), una proposta di stralcio del sussidio federale di 11,1 milioni di franchi per la gestione dell'agenzia nazionale Movetia.

Dalla sospensione delle negoziazioni sull'associazione della Svizzera a Erasmus+ in febbraio 2014 il Consiglio federale ha adottato una soluzione transitoria che garantisce la mobilità internazionale degli svizzeri in tutti i settori di formazione fino al 2017. Essa è stata attuata in attesa di una reintegrazione del programma europeo dal 2018.

Per il governo tale data non è però realistica. Di comune accordo, la Svizzera e la Commissione europea non hanno ripreso i negoziati su Erasmus+ malgrado la ratifica elvetica dell'estensione della libera circolazione alla Croazia nel dicembre 2016.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS