Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo snus (tabacco umido in polvere per uso orale) dovrà essere equiparato agli altri prodotti del tabacco: è l'opinione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale, che ha deciso di dare seguito senza opposizione a un'iniziativa parlamentare in questo senso di Lukas Reimann (UDC/SG).

Il parlamentare sangallese chiede in particolare che venga autorizzata la produzione e la commercializzazione dello snus in Svizzera.

Lo snus è un prodotto di origine svedese: secondo Reimann, "molti fumatori lo considerano una valida alternativa alle sigarette, molto più dannose". In Svizzera la distribuzione commerciale in porzioni è vietata. Il consumatore di snus può importarlo unicamente per il proprio uso personale ed è penalizzato dall'obbligo di versare dazi doganali esorbitanti.

Stando a quanto indicato nel testo dell'iniziativa, "le importazioni dichiarate di tale prodotto sono aumentate da 2 chilogrammi nel 2000 a più di 28 tonnellate nel 2012".

L'iniziativa del sangallese deve ancora passare al vaglio dell'omologa commissione del Consiglio degli Stati: in caso di luce verde, lo snus potrà essere inserito nella futura legge sui prodotti del tabacco, indicano oggi i servizi del Parlamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS