Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - L'accordo di assistenza amministrativa con gli Stati Uniti, relativo all'UBS, è stato accolto senza problemi dalla Commissione di politica estera del Consiglio degli Stati. Con 9 voti a 4, quest'ultima chiede al plenum - nel quale PLR e PPD (favorevoli all'accordo) hanno la maggioranza - di approvarlo.
La sinistra, che vuole legare il proprio consenso all'intesa con gli Stati Uniti alla soluzione del problema dei bonus, non è riuscita a convincere i "senatori". La sua proposta è stata respinta con 8 voti contro 3.
Le questioni sollevate sono prima di tutto state di natura giuridica. Con 8 voti contro 5, la commissione ha seguito il Consiglio federale e auspica che l'accordo non sia sottoposto a referendum facoltativo, ha precisato in serata alla stampa il suo presidente Eugen David (PPD/SG). Con 8 voti a 5, ha anche accolto l'effetto retroattivo.
La commissione degli esteri non si è invece occupata del decreto di pianificazione del Consiglio federale, inteso a regolare i problemi di tassazione dei bonus e delle imprese troppo grandi per fallire ("too big to fail"). Questo dossier è infatti di competenza della commissione dell'economia e dei tributi. Il Consiglio degli Stati affronterà questi temi giovedì, 3 giugno.

SDA-ATS