Navigation

Como: polizia va ad arrestarlo, lui si uccide

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2011 - 14:26
(Keystone-ATS)

Un uomo evaso dagli arresti domiciliari, ex guardia giurata, si è barricato in una stanza di hotel a Grandate (Como) e, quando stamane è arrivata la polizia per notificargli un provvedimento di custodia cautelare, si è ucciso con un colpo di pistola.

Fonti investigative riferiscono che l'uomo, di 37 anni, era evaso dagli arresti domiciliari a Malgesso (Varese), dove si trovava per una rapina risalente al 18 ottobre scorso: era accusato di avere rapinato la pistola ad un ex collega. Proprio ieri a Varese è stata messa a segno una rapina-fotocopia ai danni di un'altra guardia giurata: quando la polizia ha fatto un controllo, l'uomo non era più agli arresti domiciliari.

È stato poi localizzato all'hotel Ibis di Grandate, nei pressi dell'uscita autostradale di Como Sud. Sul posto sono allora arrivati polizia e carabinieri, che hanno cercato di convincere l'uomo a consegnarsi spontaneamente. Poi il dramma: ha sparato solo una volta e contro di sè. Il colpo sentito dagli agenti che erano andati a bussare alla sua porta, alle 7,40, ma non era un gesto di avvertimento nei loro confronti. Gli agenti hanno dato l'allarme e l'hotel è stato evacuato e circondato dalle forze dell'ordine. Alle 10,40 c'è stata l'irruzione e l'ex guardia giurata è stata trovata morta.

Intanto, sta tornando alla normalità l'attività nell'hotel Ibis, dove c'erano 198 clienti e 4 dipendenti. Nelle tre ore prima della conclusione della vicenda con il ritrovamento del corpo senza vita della ex guardia giurata, gli ospiti dell'albergo sono rimasti nella hall, ad eccezione di quelli che dovevano partire o di altri che hanno preferito allontanarsi. Quando gli agenti hanno accertato la morte dell'uomo, i clienti sono potuti tornare nelle loro stanze. Solo il primo piano, dove si trova quella che era stata occupata da Crispino, è rimasta chiusa per consentire alla polizia scientifica e alla magistratura di completare gli accertamenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?