Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alcuni migranti presenti a Como (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/TI-PRESS/FRANCESCA AGOSTA

(sda-ats)

Quattro persone sono state arrestate tra ottobre e ieri per aver trasportato illegalmente da Como verso la Svizzera oltre 200 migranti irregolari. Gli arrestati sono tutti cittadini ghanesi fra i 21 e i 39 anni, regolarmente residenti in Italia.

I quattro avvicinavano i migranti in attesa a Como di proseguire il loro viaggio verso il Nord Europa, in particolare nelle stazioni ferroviarie di Como Borghi e Camerlata, nelle mense pubbliche e nelle vicinanze del centro della Croce Rossa di via Teodolinda, offrendo di trasportarli in Svizzera.

Per ciascun migrante, portato in auto a Lugano o Zurigo, il gruppo chiedeva tra i 90 e i 150 euro. Gli ingressi in Svizzera avvenivano soprattutto dal valico di Ronago-Ponte Faloppia, non presidiato dalle forze dell'ordine, nel tardo pomeriggio e prima serata. Solo a ottobre 2016 gli inquirenti hanno documentato almeno 45 passaggi dell'auto del gruppo dal valico di Crociale Mulini.

La prima fase dell'inchiesta congiunta tra Polizia italiana e svizzera si è chiusa lo scorso 13 dicembre con l'arresto di una cittadina ghanese di 23 anni, mentre trasportava tre migranti irregolari in Svizzera dal valico di Ronago. Poco dopo è finito in manette un complice di 24 anni. Sono stati poi identificati gli altri due componenti del gruppo, arrestati ieri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS