Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli esperti hanno mappato oltre 10mila specie di serpenti, lucertole e tartarughe, che vanno a ultimare la mappa mondiale dei vertebrati (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

È stato completato "l'atlante della vita", la prima analisi e mappatura di tutti i vertebrati esistenti nel mondo. L'atlante comprende 31mila specie animali, e si pone come strumento per indirizzare gli sforzi e le risorse finalizzati alla conservazione.

L'ultimo tassello mancante era quello relativo ai rettili, che ora è stato realizzato da un team di 39 scienziati di una trentina di istituti, capitanati dalle università di Oxford e Tel Aviv. Come illustrato sulla rivista Nature Ecology and Evolution, gli esperti hanno mappato oltre 10mila specie di serpenti, lucertole e tartarughe, che vanno a ultimare la mappa mondiale dei vertebrati. Ne fanno parte anche 5mila mammiferi, 10mila uccelli e 6mila anfibi, tutti mappati già dal 2006.

Diversamente da anfibi, mammiferi e uccelli, i rettili spesso prediligono luoghi molto caldi e asciutti. Per questo, spiegano i ricercatori, le misure di conservazione per evitare l'estinzione delle specie dovrebbero interessare anche deserti e terre aride, dalla penisola araba alle steppe asiatiche, dai deserti australiani alle Ande meridionali.

"Grazie a strumenti come il nostro atlante, gli scienziati possono per la prima volta guardare la Terra nella sua interezza e prendere decisioni informate su come utilizzare i fondi di conservazione", spiega Richard Grenyer, professore associato di Biodiversità e Biogeografia all'università di Oxford.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS