Navigation

Comunali italiane: 3 a sinistra, 2 a destra, 19 ballottaggi

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2012 - 11:59
(Keystone-ATS)

Verona alla Lega, con la riconferma del sindaco uscente Flavio Tosi. La Spezia, con Massimo Federici, Pistoia, dove è stato eletto sindaco Samuele Bertinelli, e Brindisi con Cosimo Consales al centrosinistra. Il centrodestra si riconferma a Lecce, con il sindaco Paolo Perrone e a Gorizia dove è riconfermato il sindaco uscente Ettore Romoli.

Questo il quadro del primo turno delle comunali nei comuni capoluogo. Stamane è stato bloccato lo scrutinio per le elezioni a Catanzaro, dove sarà l'Ufficio centrale elettorale del Tribunale a risolvere le contestazioni che sono state sollevate in due sezioni. I risultati finora vedono in vantaggio il candidato sindaco del centrodestra, Sergio Abramo, ma ovviamente i dati non sono ancora ufficiali.

Al ballottaggio vanno 19 capoluoghi: Genova, Palermo, Parma, Monza, Cuneo, Piacenza, L'Aquila, Frosinone, Agrigento, Trapani, Trani, Isernia, Rieti, Lucca, Asti, Alessandria, Como, Belluno e Taranto.

L'analisi del voto vede la crisi del Pdl e della Lega e il boom dei 'grillini' del Movimento Cinque Stelle che vanno addirittura al ballottaggio a Parma.

A Palermo torna in grande stile Leoluca Orlando, vicino al 48%. Al secondo turno se la vedrà con il Pd Fabrizio Ferrandelli che però ha raccolto solo il 17%. A Genova il 20 e 21 maggio il candidato del centrosinistra, Marco Doria, che ha ottenuto il 48,3% dei consensi, troverà al ballottaggio il candidato del Terzo Polo Enrico Musso, che ha ottenuto il 15%.

Ma la vera sorpresa del voto genovese è il risultato del candidato del Movimento 5 Stelle, Paolo Putti, che ha ottenuto il 13,9%, superando il candidato sostenuto dal Pdl Pierluigi Vinai, fermo al 12,7%.

Il Pd si conferma con il 24% primo partito della città, anche se in calo. Il movimento dei 'grillini' è il secondo partito. Infine a Parma, la città delle proteste che hanno costretto alle dimissioni l'ex sindaco Pietro Vignali, travolto dai guai giudiziari della sua Giunta e dal debito record di oltre 600 milioni di euro, il Movimento 5 Stelle sfiora il 20% con Federico Pizzarotti. Sarà lui, bancario alla prima esperienza elettorale in città, l'avversario al ballottaggio del 'collaudato' Vincenzo Bernazzoli (39,2%), l'attuale presidente della Provincia sostenuto dal centrosinistra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?