Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Raccolte oltre 107'000 per il congedo paternità

Keystone/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

È stata consegnata questo pomeriggio alla Cancelleria federale, munita di 107'106 firme autenticate dai comuni, l'iniziativa popolare "Per un congedo di paternità ragionevole - a favore di tutta la famiglia".

L'obiettivo del testo, promosso dalla confederazione sindacale Travail.Suisse e da altre organizzazioni, è di introdurre un congedo per i neo papà flessibile, della durata di quattro settimane.

Adrian Wüthrich, coordinatore della campagna "Vaterschaftsurlaub jetzt!" (Congedo paternità, subito!) e presidente di Travail.Suisse, ha spiegato che l'iniziativa ha suscitato vivo interesse tra la popolazione. "Molte persone volevano firmare i formulari prima ancora dell'allestimento degli stand per la raccolta", ha aggiunto.

La proposta per l'introduzione di 20 giorni di congedo retribuito per i neo papà è stata lanciata nel maggio del 2016 dopo che il Consiglio nazionale aveva respinto di misura (97 voti a 90) una iniziativa parlamentare dello stesso tenore presentata dal deputato grigionese Martin Candinas (PPD): in quell'occasione era stato chiesto un congedo generalizzato di due settimane per costi complessivi stimati in 200 milioni di franchi.

Attualmente, deplora "Vaterschaftsurlaub jetzt!", solo le grandi aziende hanno le risorse necessarie per garantire il congedo paternità: le piccole e medie imprese non hanno i mezzi e i dipendenti devono accontentarsi di un solo giorno di assenza dal lavoro, oppure di un periodo di licenza non retribuito. Tutto ciò è profondamente ingiusto e retrogrado, ha affermato la vicepresidente Clivia Koch. Secondo il comitato d'iniziativa, è quindi necessaria una soluzione nazionale per tutti i lavoratori e per tutte le aziende.

L'associazione "Il congedo paternità, subito!" intende modificare l'articolo 116 della Costituzione federale, specificando che la "Confederazione istituisce un'assicurazione per la maternità e (...) la paternità". L'iniziativa prevede il finanziamento del congedo per i neo papà mediante le indennità per perdita di guadagno (IPG) come avviene per il congedo maternità, con un prelievo dello 0,06% sui salari.

Oltre a Travail.Suisse, la proposta è sostenuta da 140 organizzazioni, tra cui Alliance F (Alleanza delle società femminili svizzere), männer.ch (sodalizio che raggruppa gli uomini e i papà) e Pro Familia.

Tra i promotori spiccano i consiglieri nazionali Stefan Müller-Altermatt (PPD/SO), Jonas Fricker (Verdi/AG), Jacques-André Maire (PS/NE), Rosemarie Quadranti (PBD/ZH), Rebecca Ruiz (PS/VD) e Laurent Wehrli (PLR/VD), cui si aggiunge la "senatrice" Anne Seydoux (PPD/JU).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS