Navigation

Congo: 22 civili massacrati col machete dai ribelli islamici

Almeno 22 civili, tra cui 13 donne, sono stati massacrati la notte scorsa a colpi di machete dai ribelli islamici delle Forze democratiche alleate, nella provincia di Beni del Congo settentrionale, nei pressi del confine con l'Uganda. (foto d0archivio) KEYSTONE/AP/REBECCA BLACKWELL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 dicembre 2019 - 21:19
(Keystone-ATS)

Almeno 22 civili, tra cui 13 donne, sono stati massacrati la notte scorsa a colpi di machete dai ribelli islamici delle Forze democratiche alleate, nella provincia di Beni del Congo settentrionale, nei pressi del confine con l'Uganda.

Lo riferiscono fonti sul posto secondo cui le vittime erano in gran parte contadini, sottolineando che sono ormai oltre cento le persone massacrate dai ribelli islamici nella zona sin dallo scorso novembre, come rappresaglia dopo che il mese prima le forze di sicurezza del Paese hanno avviato una vasta operazione contro le milizie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.