Navigation

Congo: condannato all'ergastolo leader gruppo armato

L'ex leader del gruppo armato Nduma Defense of Congo, Ntabo Ntaberi Sheka, è stato condannato all'ergastolo dal tribunale militare congolese di Goma. È stato riconosciuto colpevole di crimini di guerra, come omicidi, stupri, arruolamento di bambini. KEYSTONE/EPA/TUGELA RIDLEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2020 - 12:00
(Keystone-ATS)

Ntabo Ntaberi Sheka, ex leader di un gruppo armato in Congo, è stato condannato all'ergastolo dal tribunale militare di Goma. È stato riconosciuto colpevole di crimini di guerra, come omicidi, stupri, arruolamento di bambini e riduzione in schiavitù sessuale di donne.

L'uomo con il suo gruppo Nduma Defense of Congo (NDC) armato ha agito indisturbato contro i civili tra il 2007 e il 2017 nel territorio di Walikale, nella provincia del Kivu settentrionale. In particolare, tra il 30 luglio e il 2 agosto 2010, gli attacchi del suo gruppo contro 13 villaggi delle zona hanno portato all'uccisione di 287 persone, mentre 380 donne, uomini e bambini sono stati violentati.

"Questo verdetto è fonte di speranza per le numerose vittime del conflitto nella Repubblica democratica del Congo: la sofferenza è stata ascoltata e riconosciuta, l'impunità non è inevitabile'' ha dichiarato la Rappresentante speciale del Segretariato generale dell'Onu nella Repubblica democratica del Congo Leila Zerrougui, che è anche a capo della missione delle Nazioni Unite nella RDC (MONUSCO).

Ntabo Ntaberi Sheka e Lukambo Jean Claude, chiamato Kamutoto, così come Nzitonda Seraphina detto Lionso, un leader delle Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (FDLR) sono stati perseguiti per crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Anche Lionso è stato condannato all'ergastolo e Kamutoto, a quindici anni di carcere.

Il loro caso era stato considerato prioritario dalle autorità militari giudiziarie congolesi. "La lotta contro l'impunità è una lotta a lungo termine e occorre fare molto di più per garantire la disponibilità degli strumenti necessari per un sistema giudiziario efficace e sostenibile nella RDC", ha affermato Leïla Zerrougui. "Ma il sistema di giustizia militare congolese ha compiuto progressi significativi e dobbiamo continuare a sostenere risolutamente questi sforzi per inviare un segnale forte a tutti coloro che ancora oggi commettono gravi crimini contro la popolazione", ha aggiunto.

In particolare, la missione delle Nazioni UNite, MONUSCO, ha assistito le autorità giudiziarie militari nelle indagini e nello svolgimento del processo, ha garantito la protezione delle parti e ha sostenuto l'effettiva partecipazione delle vittime e dei testimoni al processo. "Restituire voce alle vittime, porre fine all'impunità per gravi crimini commessi nel contesto di un conflitto armato nella RDC è una condizione essenziale per costruire la pace e lo sviluppo sostenibile", ha concluso Zerrougui.

Condividi questo articolo