Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KINSHASA - Uno smottamento lungo il fianco di un vulcano in Congo, nell'inquieta provincia orientale di Kivu, ha spazzato via centinaia di abitazioni e lasciato decine di morti, secondo un bilancio ancora parziale diramato dalla missione dell'Onu (Munoc), che partecipa ai soccorsi.
Il vulcano è il Nyrangongo, la località quella di Kibumba, nel sud del Kivu, dove l'esercito sta tentando di sradicare i ribelli Hutu ruandesi. A scatenare la frane è stata l'esondazione di alcuni fiumi dovuta alle abbondanti piogge.
Il bilancio provvisorio, ha detto il portavoce del Monuc, Madnodje Mounoubai, è finora di almeno quattordici cadaveri recuperati, ma si teme che i morti possano essere almeno 46, mentre le abitazioni travolte sono oltre 200.
Il Nyrangongo, che si erge vicino alla capitale del Kivu, Goma, è uno dei due vulcani attivi nella regione e negli anni passati ha prodotto diverse eruzioni, una delle quali nel 2002 uccise decine di persone.

SDA-ATS