Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uno dei quattro membri dell'équipe di Medici senza frontiere rapiti in Nord Kivu (Repubblica democratica del Congo) più di un anno fa è riuscito fuggire. Ne dà notizia l'organizzazione medico-umanitaria, che invece non ha ancora notizie degli altri tre operatori e lancia un appello a chiunque sia in grado di favorire la loro liberazione.

Chantal Kaghoma Vulinzole, infermiera originaria di Goma, era stata rapita insieme a tre colleghi l'11 luglio 2013 durante un attacco a Kamango attribuito al gruppo armato ADF-NALU. L'équipe di Msf stava compiendo una missione per valutare le strutture sanitarie nel territorio di Beni.

Dopo più di 13 mesi di prigionia in condizioni drammatiche, Chantal è riuscita a fuggire e a raggiungere le truppe impegnate in un'operazione militare nella boscaglia contro l'ADF-NALU; la donna è stata ritrovata debole e smagrita ed è stata riportata a Beni dalle forze armate congolesi.

"È un immenso sollievo per la sua famiglia, i suoi amici e tutti i suoi colleghi sapere che Chantal è viva e di nuovo con noi - dichiara Mego Terzian, presidente di Msf - vogliamo credere che anche gli altri tre colleghi, sui quali non abbiamo alcuna informazione, ritorneranno. Il nostro pensiero va alle loro famiglie e a tutti gli ostaggi. Non vi dimenticheremo".

Msf non ha potuto stabilire un contatto con gli altri tre membri del team congolese nonostante gli sforzi, le risorse mobilitate e le tracce seguite in RDC e nei paesi vicini. "Chantal è stata separata dai suoi colleghi e non era più in contatto con loro quando è fuggita", spiega Benoît Leduc di Msf, che assicura: "la ricerca continua ora che il gruppo ADF è disperso è probabilmente disorganizzato".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS