Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quattro donne sono state consacrate sacerdotesse della comunità induista all'inizio del mese a Berna. Si tratta di una delle prime celebrazioni al mondo che permette alle donne di accedere a tale funzione.

Sia in India sia nello Sri Lanka praticamente non ci sono pretesse indù, ha detto all'ats Sasikumar Tharmalingam, sacerdote della comunità Saivanerikoodam, della Casa delle religioni a Berna, commentando un'informazione di kath.ch e del quotidiano "La Liberté". Alcune consacrazioni sono però già state segnalate dall'agenzia cattolica UCAnews.

Secondo Tharmalingam, giunto in Svizzera dallo Sri Lanka 14 anni fa, la celebrazione bernese è un passo importante verso il sacerdozio femminile nell'induismo. Tradizionalmente, infatti, nella religione induista solo i maschi della casta dei bramini possono diventare preti, mentre le donne sono escluse da tale funzione.

I membri della comunità di Tharmalingam si sono interrogati sulla questione, hanno studiato i testi sacri e non hanno trovato alcuna indicazione che giustifichi una esclusione delle donne dal sacerdozio. Al contrario ne hanno trovate molte che indicano l'uguaglianza tra uomo e donna. Un viaggio di membri della comunità di Tharmalingam in India e Sri Lanka ha inoltre rafforzato questa opinione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS