Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo il Consiglio nazionale, anche gli Stati hanno dato il via libera (30 voti a 7) alla partecipazione della Svizzera all'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO).

Per la maggioranza è importante che la Svizzera partecipi ad attività multilaterali in materia di asilo e contribuisca così attivamente a consolidare il sistema Dublino. Una minoranza costituita da esponenti dell'UDC ha respinto l'accordo, giudicando il rapporto costi-benefici poco soddisfacente.

L'Ufficio (European Asylum Support Office, EASO) è stato aperto ufficialmente il 19 giugno 2011 a Malta. È stato istituito per rafforzare la cooperazione a livello pratico nel settore dell'asilo e sostenere gli Stati membri dell'Unione europea (Ue) nell'adempimento dei loro obblighi a livello europeo e internazionale per la tutela delle persone bisognose di protezione.

La partecipazioni a EASO è proporzionale al prodotto interno lordo (Pil). Tenuto conto che per il 2015 l'EASO ha preventivato 16 milioni di euro, la Confederazione dovrebbe versare un contributo pari a circa 816'000 franchi. Si tratta di costi che già figurano nel preventivo 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS