Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

INTERLAKEN - I rappresentanti di 47 paesi membri del Consiglio d'Europa sono riuniti a Interlaken per esaminare proposte di riforma della Corte internazionale dei diritti umani, perennemente sovraccarica di lavoro. La conferenza, che si conclude domani, è stata organizzata dalla Svizzera, che detiene la presidenza di turno del consiglio.
Lo snellimento delle procedure è uno degli obiettivi perseguiti da Berna e un primo successo sembra già delinearsi: la Russia, quale ultimo paese membro, ha infatti deciso di ratificare un protocollo - ora pronto per essere attuato - che consente tra l'altro alla Corte di respingere in tempi rapidi ricorsi infondati.
Berna punta alla stesura di una dichiarazione congiunta che impegna gli stati membri a rafforzare il ruolo della Corte nella difesa dei diritti umani. La riforma delle procedure, secondo la Svizzera, è più urgente che mai. L'istituzione, con sede a Strasburgo, può avvalersi di 47 giudici, che non riescono però a sbrigare le pratiche: lo scorso anno i casi pendenti erano non meno di 120 mila.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS