Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale era a conoscenza del genocidio perpetrato dai nazisti nei campi di concentramento già nel 1942: il telegiornale della televisione svizzerotedesca SRF ha presentato questa sera documenti - finora mai pubblicati - redatti da diplomatici svizzeri durante la seconda guerra mondiale e indirizzati al governo.

Si tratta di centinaia di lettere, telegrammi e rapporti dettagliati, ma anche di fotografie. "Si può dimostrare che dal maggio 1942 informazioni relative all'uccisione di ebrei sono giunte fino a Berna", ha detto alla TV il direttore dei Documenti diplomatici svizzeri Sascha Zala.

Questi documenti erano stati consegnati al consigliere federale Eduard von Steiger che all'epoca era responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Nonostante i rapporti stilati dai diplomatici, il Consiglio federale aveva deciso nell'agosto 1942 di effettuare espulsioni in massa di rifugiati stranieri civili, anche se ciò poteva mettere in pericolo la loro vita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS