Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La corsa è iniziata. Esce allo scoperto la prima candidatura ufficiale alla doppia successione in Consiglio federale. Stamani la "senatrice" socialista bernese Simonetta Sommaruga ha annunciato di concorrere al seggio di Moritz Leuenberger e appare una delle grandi favorite.
Sommaruga, 50 anni, designata dalla direzione del PS bernese, è tutt'altro che una sconosciuta sotto la cupola federale: dal 1999 al 2003 è stata consigliera nazionale, poi è passata al Consiglio degli Stati, dove la sua combattività è apprezzata, al pari della conoscenza dei dossier. Presidente della Fondazione per la protezione dei consumatori (SKS), Sommaruga si situa nell'ala destra del partito e ciò le vale l'innegabile simpatia delle forze borghesi.
La presidente del Nazionale, l'argoviese Pascale Bruderer, nonché la zurighese Regine Aeppli e la basilese Anita Fetz si sono invece fatte da parte.
Dal Partito liberale radicale, intenzionato a non farsi sottrarre il seggio che lascerà vacante il ministro delle finanze Hans-Rudolf Merz, non giungono ancora nomi ufficiali. Le sezioni cantonali hanno tempo fino al 21 agosto per esprimersi. I due grandi favoriti alla "nomination" sembrano essere la consigliera di Stato sangallese Karin Keller-Sutter e il consigliere nazionale bernese Johann Schneider-Ammann. Il consigliere nazionale ticinese Fabio Abate ha fatto sapere di rinunciare a un'eventuale candidatura.
Le prime "audizioni" dei candidati, per entrambi i partiti, si faranno all'inizio di settembre, poi toccherà ai gruppi parlamentari, verosimilmente il 14, scegliere i nomi definitivi da sottoporre all'Assemblea federale mercoledì 22, nella seconda settimana della sessione autunnale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS