Navigation

Consiglio federale inasprisce sanzioni contro la Siria

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2011 - 13:47
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale ha deciso oggi un ulteriore inasprimento delle sanzioni contro la Siria. Le nuove misure, che entreranno in vigore già domani, si rifanno a quelle adottate una settimana fa dall'Ue, per evitare che queste possano essere aggirate attraverso la Svizzera.

La concessione di prestiti o crediti a persone e organizzazioni siriane che partecipano all'attività di prospezione, estrazione e raffinazione di petrolio sarà così proibita. Sarà inoltre vietato acquisire o aumentare partecipazioni in tali entità e costituire joint venture con esse. I divieti non si applicano ai contratti stipulati prima del 1. ottobre 2011. Viene pure introdotto il divieto di fornire o vendere alla Banca centrale della Siria nuove banconote e monete siriane.

L'impatto economico delle nuove sanzioni dovrebbe comunque essere limitato: il governo afferma di non essere a conoscenza di investimenti svizzeri nel settore petrolifero siriano.

Finora i provvedimenti nei confronti della Siria comprendevano l'embargo sul materiale d'armamento, il divieto d'esportazione di beni utilizzabili a scopi repressivi, il divieto d'importazione di prodotti petroliferi nonché sanzioni finanziarie e restrizioni di viaggio nei confronti di 54 persone fisiche e 12 imprese e organizzazioni. In Svizzera sono stati inoltre congelati valori patrimoniali per circa 45 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?