Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale, seguendo la Camera dei Cantoni, ha adottato oggi con 106 voti contro 73 e 6 astensioni la "Convenzione n. 189 dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) sul lavoro dignitoso per le lavoratrici e i lavoratori domestici". L'oggetto è pronto per la votazione finale al termine della Sessione.

La ratifica non richiede alcun adeguamento legislativo o a livello di ordinanza, ha detto a nome della commissione della sicurezza sociale e della sanità (CSS) Maja Ingold (PPD/ZH). La categoria professionale dei lavoratori domestici deve fruire di un trattamento non meno favorevole di quello riservato agli altri salariati, ha aggiunto Stéphane Rossini (PS/VS). La CSS raccomandava di accogliere il progetto con 13 voti contro 11.

Tutti i lavoratori sono già protetti in Svizzera, ha ribattuto a nome della forte minoranza commissionale Roland Borer (UDC/SO). Facendosi portavoce delle organizzazioni economiche, critiche nella procedura di consultazione, il deputato democentrista ha anche contestato una convenzione che si limita a un'unica categoria professionale. I suoi argomenti sono stati seguiti solo da Daniel Stolz (BS), che si è espresso a nome del gruppo PLR. Tutti gli altri partiti si sono schierati a favore della maggioranza commissionale.

Il consigliere federale Johann Schneider-Ammann, capo del Dipartimento federale dell'economia (DEFR), ha invitato a sostenere il progetto ricordando gli argomenti che il governo ha menzionato nel messaggio al parlamento: la convenzione rappresenta un importante passo avanti in favore dei lavoratori domestici particolarmente vulnerabili a livello sociale ed economico (migranti, giovani e persone che abitano presso il proprio datore di lavoro).

Questa categoria professionale è in gran parte composta di donne provenienti da contesti sociali svantaggiati e particolarmente esposta a stipendi bassi. Schneider-Ammann ha anche ricordato che il Consiglio degli Stati ha adottato la convenzione all'unanimità con alcune astensioni.

L'accordo internazionale contiene disposizioni sulle condizioni di vita e di lavoro, come ad esempio l'orario, la retribuzione, la sicurezza e la salute sul posto di lavoro.

SDA-ATS