Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il segreto che circonda le votazioni del Consiglio degli Stati non ha più motivo di esistere in uno Stato di diritto. Con 93 voti contro 70 e 25 astenuti, il Consiglio nazionale ha deciso oggi di appoggiare due iniziative UDC che chiedono maggiore trasparenza in questo ambito.

Alla Camera del popolo i risultati di ogni scrutinio sono accessibili al pubblico, mentre alla Camera dei cantoni è impossibile sapere come i deputati si sono pronunciati, ha rilevato Lukas Reimann (UDC/SG). A suo avviso, questa mancanza di trasparenza non è compatibile con una democrazia moderna. "Di cosa hanno paura i colleghi agli Stati?", si è chiesto André Bugnon (UDC/VD).

Benché favorevole a una maggiore trasparenza, la commissione competente era contraria alle due iniziative parlamentari. "Ciò potrebbe essere visto come un'ingerenza nel lavoro della Camera dei cantoni", ha spiegato Isabelle Moret (PLR/VD).

In giugno, il Consiglio degli Stati aveva accettato di stretta misura, per la prima volta, di dar seguito a un'iniziativa parlamentare che chiede l'introduzione del voto elettronico. Il progetto dovrebbe essere discusso nella sessione invernale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS