Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il prelievo di organi destinati al trapianto continuerà ad essere possibile solo in caso di consenso esplicito del donatore o dei suoi famigliari. Approvando stamane la revisione parziale della legge in materia, il Consiglio Nazionale ha scartato - con 168 voti contro 67 - la proposta di introdurre il modello del "consenso presunto" che autorizza l'espianto in assenza di un esplicito rifiuto.

La Confederazione occupa ancora agli ultimi posti a livello europeo per quanto riguarda la donazione di organi con 14,4 donatori per milione di abitanti. "I bisogni però sono in continua crescita e fino a due persone a settimana muoiono in attesa di organi idonei al trapianto", ha spiegato Marina Carobbio (PS/TI) a nome della minoranza della commissione.

Introducendo il sistema del "consenso presunto", cioè considerando tutti i cittadini potenziali donatori se non hanno esplicitamente affermato il contrario, "si rafforza quindi la riflessione individuale sulla donazione, garantendo nel contempo ad ognuno il diritto di disporre del proprio corpo; ciò non costituirebbe una donazione automatica", ha aggiunto.

Per la maggioranza, però, questo modello non garantirebbe un incremento del tasso di donazione di organi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS