Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ll Prix Montagne 2015, dotato di 40 mila franchi, è stato assegnato oggi a Berna a 75 contadine del canton Uri riunite in un'associazione, che oltre al lavoro in fattoria si occupano di bambini, anziani e faccende domestiche.

A consegnare il premio è stato il presidente della giuria, Bernhard Russi, già campione di sci, oggi consulente e commentatore televisivo. "Dieci anni fa, quando abbiamo iniziato, eravamo solo un gruppetto. Non eravamo sicure che ci fosse una reale domanda per le nostre prestazioni", spiega Pia Marty, presidente dei servizi domestici delle contadine urane. "E oggi abbiamo vinto il Prix Montagne. Siamo molto grate per questo riconoscimento".

Oggi le contadine che partecipano all'iniziativa sono 75 e realizzano una cifra d'affari di 900'000 franchi l'anno, assicurando così un reddito supplementare per le loro famiglie. Un importante obiettivo del progetto è proprio quello di permettere alle contadine di percepire un guadagno accessorio sicuro.

"Le contadine urane hanno trasformato una bella idea in un'attività di successo - afferma Bernhard Russi -, è un grande risultato che per me acquista un significato particolare poiché il progetto proviene dal mio Cantone d'origine".

Il Prix Montagne è assegnato per la quinta volta dal Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) e dall'Aiuto Svizzero alla Montagna a progetti che contribuiscono palesemente e in modo esemplare alla creazione di valore aggiunto, all'occupazione o alla diversificazione economica delle regioni alpine.

Quest'anno sono stati presentati sedici progetti che hanno portato a sei finalisti provenienti da tutte le regioni linguistiche, progetti che si prestano a fungere da modello e ispirazione anche per gli abitanti di altre regioni.

Tra i sei finalisti figurava anche la ditta KV+ di Dongio, in Valle di Blenio, uno dei leader mondiali nel settore della produzione di bastoni per lo sci di fondo. A Tenna (GR), invece, è in funzione il primo sci-lift solare che, oltre a trasportare gli amanti degli sport invernali, produce tutto l'anno corrente per venticinque economie domestiche. "La qualità dei progetti presentati si mantiene elevatissima - afferma ancora Bernhard Russi -, progetti che rappresentano al meglio la molteplicità delle attività commerciali in montagna".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS