Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Buone nuove dal fronte delle finanze federali: al posto dei due miliardi di deficit preventivati per il 2010, la Confederazione conta su un'eccedenza di 600 milioni. È quanto risulta dalle proiezioni del Dipartimento federale delle finanze (DFF) sulla base delle entrate e uscite di fine giugno.
Questa differenza è dovuta all'evoluzione del prodotto interno lordo (PIL), rivelatasi migliore rispetto al periodo in cui è stato elaborato il preventivo. Un anno fa, per il PIL nominale del 2010 si calcolava una crescita dello 0,7%, mentre oggi tale tasso è salito al 2,9%.
Il miglioramento si ripercuote positivamente sulle entrate della Confederazione. In particolare, sono attese considerevoli entrate supplementari nell'ambito dell'imposta federale diretta (IFD) e dell'imposta preventiva (IP).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS