Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Per 7 voti a 4, la commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia degli Stati è entrata in materia sulla ratifica dei 9 protocolli di attuazione della Convenzione delle Alpi. Lo scorso inverno, ricorda oggi una nota dei Servizi parlamentari, il Consiglio nazionale non era entrato nel merito della questione.
Per la maggioranza della commissione degli Stati, invece, ratificando i protocolli della Convenzione la Svizzera invierebbe un segnale forte sia sul piano della politica nazionale che internazionale. Per la maggioranza, infatti, la collaborazione transfrontaliera permetterebbe alla Svizzera di affrontare le sfide a livello economico ed ambientale che interessano le regioni alpine.
Una minoranza chiede invece di soprassedere alla ratifica, visto che la parte del territorio elvetico interessata dalla Convenzione, 60%, è nettamente più importante rispetto ad altri Paesi. Oltre a ciò, si teme che le condizioni restrittive previste dai protocolli di applicazione ostacolino lo sviluppo economico delle regioni di montagna.

SDA-ATS