Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'accordo di Parigi "è una svolta storica per il mondo intero. Uno dei risultati più rilevanti è che il suo obiettivo è di 'proseguire gli sforzi per limitare' il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi rispetto all'età preindustriale".

Lo afferma Bill Hare, Ceo di Climate Analytics (team composto anche da esperti in cambiamenti climatici e in finanza legata al clima).

"In questo modo - spiega Hare - la comunità mondiale ha riconosciuto che i rischi del riscaldamento globale sono di gran lunga maggiori rispetto a quanto precedentemente capito, e che la base scientifica che indica la necessità di azioni urgenti non è mai stata più forte".

Secondo Hare, "è una vittoria per la maggior parte dei paesi più vulnerabili, le piccole isole, i paesi meno sviluppati e tutti coloro che hanno tutto da perdere, venuti a Parigi per dire che non volevano simpatia, volevano azione". "L'accordo di Parigi chiede a tutte le nazioni del mondo di cooperare per raggiungere il picco delle emissioni globali nel più breve tempo possibile e di intraprendere una rapida riduzione delle emissioni di gas serra portandole a zero nella seconda metà del secolo", aggiunge.

Hare definisce l'accordo "di per sé storico" e rileva che "le sfide future per realizzare i suoi obiettivi domineranno il 21esimo secolo. L'accordo è stato fatto in un momento in cui i contributi nazionali per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra per il 2025 e il 2030 insieme superano di gran lunga i livelli necessari per contenere il riscaldamento globale ben al di sotto di due gradi, allontanando il limite di 1,5 gradi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS