Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Kim lo scalatore conquista la vetta della montagna più alta del Paese. Singolare impresa del presidente nordcoreano Kim Jong-Un, che ha annunciato di avere scalato il Paektu, facendosi fotografare a quota 2750 metri.

Sorridente e con il sole alle spalle il giovane presidente, 32 anni, appare nelle istantanee - pubblicate dal Mail online - in uno scenario alpino, circondato da vette innevate, con indosso un cappottino scuro e con scarpe di pelle.

Una volta giunto alla meta il leader di Pyongyang ha salutato un centinaio di piloti dell'aeronautica - che stando alla stampa di regime hanno compiuto l'arrampicata insieme al loro capo - e ha pronunciato un discorso condito dalla retorica tipica del suo regime affermando che "scalare la montagna gli ha dato una energia mentale più potente rispetto a qualsiasi tipo di arma nucleare".

Alcuni analisti hanno espresso qualche dubbio sulla sua nuova e titanica impresa. Della scalata al monte del grande leader non vi è al momento alcuna documentazione video o fotografica, ma solo le fotografie che lo ritraggono sulla vetta. I dubbi aumentano se si considera il fatto che solo sei mesi fa Kim Jong-un si era fatto ritrarre dopo 40 giorni di assenza da eventi pubblici mentre passeggiava a fatica e accompagnandosi con un bastone, reduce da un'operazione alle caviglie.

Dittatore egocentrico, megalomane, accentratore, Kim Jong-un avrebbe compiuto la sua impresa sul Paektu nella giornata di ieri, ha precisato l'agenzia di stampa del regime Kcna. La montagna si trova a nord del Paese al confine con la Cina ed è considerata un posto sacro nel folklore coreano e soprattutto ha assunto negli anni un ruolo centrale nella propaganda che glorifica la famiglia Kim. L'agiografia di Stato afferma infatti che Kim Jong-Il, il fondatore della Corea del Nord, sia nato proprio sulla montagna, mentre molti storici ritengono che i suoi natali siano in Russia.

Da quando è salito al potere, allo stesso modo dei suoi predecessori, l'attuale leader si è costruito una immagine di uomo forte ed energico, facendosi ritrarre nei posti più insoliti del Paese: dai siti sacri alle basi militari fino ad una cerimonia per l'apertura di un parco divertimenti nella capitale quando presentò al mondo la moglie. E l'impresa di ieri sembra proprio l'ennesima puntata di un copione già visto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS