Navigation

Corea Nord: campi rieducazione per 'scarso' dolore morte Kim

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2012 - 13:32
(Keystone-ATS)

Dopo la fase di critica pubblica più simile a processi, le autorità nordcoreane sono passate alla fase esecutiva con pene e sanzioni a quanti non hanno mostrato dolore con la dovuta convinzione per la scomparsa del 'caro leader' Kim Jong-il, morto il 17 dicembre. Secondo il Daily NK, "è stato disposto un periodo di almeno 6 mesi nei campi di 'formazione-lavoro' a chi non ha preso parte agli incontri tenuti nel periodo di lutto o che hanno partecipato senza piangere o che lo hanno fatto sembrando poco convincenti"

Le persone accusate di aver fatto circolare voci critiche sul passaggio del potere al nuovo 'comandante supremo' Kim Jong-un, terza generazione della famiglia Kim, sono state anche inviate nei campi di rieducazione o 'spedite' con le loro famiglie nelle zone rurali più remote.

Il Daily Nk, di base in Corea del Sud e molto addentro alle vicende del Nord, ha scritto di aver appreso le misure punitive da una fonte della provincia del Nord Hamkyung secondo cui i processi pubblici sono partiti a tutti i livelli il 29 dicembre, ultimo giorno di lutto, per concludersi l'8 gennaio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?