Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ambasciatrice americana all'Onu, Nikki Haley.

KEYSTONE/AP/BEBETO MATTHEWS

(sda-ats)

Sulla Corea del Nord la Casa Bianca sta esplorando le possibili opzioni, ma "non renderà mai noto qualsiasi prossimo passo". Lo ha dichiarato la portavoce del presidente Trum Sara Sanders.

In precedenza, all'Onu, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza sulla Corea del Nord, la Cina ha ribadito la proposta di una moratoria portata avanti con la Russia per far ripartire il negoziato.

Pyongyang dovrebbe fermare i piani missilistici e nucleari, a fronte dello stop di Washington e Seul alle esercitazioni militari. "L'azione militare non è un'opzione", ha detto l'ambasciatore di Pechino.

Secondo l'ambasciatore di Mosca, Vladimir Safronkov, "le sanzioni non risolveranno la crisi nordcoreana e non possono essere la soluzione".

L'ambasciatrice Usa Nikki Haley, invece, ha risposto che "se la Russia non vuole sostenere misure più severe contro Pyongyang deve mettere il veto alla bozza di risoluzione" che presenterà nei prossimi giorni. Ma in questo caso, gli Stati Uniti "andranno per la loro strada".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS