Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Cina non riconoscerà la Corea del Nord come "potenza nucleare" e lavorerà per la ripresa del dialogo a Sei sull'abbandono delle ambizioni atomiche da parte di Pyongyang in cambio di aiuti, in fase di stallo da fine 2008.

La posizione di Pechino "resta invariata", ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Lu Kang, sui propositi del Nord di proseguire i piani atomici e missilistici. Lu, nel corso della conferenza stampa quotidiana, ha aggiunto che la penisola coreana denuclearizzata, il mantenimento di pace e stabilità, e la soluzione della questione nucleare con il dialogo trovano "l'interesse comune dei Paesi più preoccupati".

Il tavolo a Sei coinvolge le due Coree, Cina, Usa, Russia e Giappone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS