Navigation

Corea Nord: Kim, nuove politiche di deterrenza nucleare

Il leader nordcoreano Kim Jong-un KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2020 - 08:08
(Keystone-ATS)

La Corea del Nord ha discusso le nuove politiche per "aumentare la sua deterrenza nucleare". Lo riporta la Kcna, riferendo di un incontro tenuto sotto guida del leader Kim Jong-un.

Kim, nel dispaccio della Kcna, ha presieduto per la prima volta da metà dicembre l'incontro della Commissione militare centrale del Partito dei Lavoratori sulle "nuove politiche per aumentare ulteriormente la deterrenza nucleare del Paese", mettendo sotto "le forze armate strategiche su una alta allerta operativa in linea con i requisiti generali per la costruzione e lo sviluppo delle forze armate del Paese".

Nell'occasione, sono stati trattati "importanti passaggi militari e misure organizzative e politiche per rafforzare nel complesso le forze armate". La Kcna, tuttavia, non ha fornito dettagli sia sulle "nuove politiche" sia su quando si è tenuta la riunione, rilevando che al meeting "sono state prese misure cruciali per aumentare considerevolmente l'abilità delle potenza di fuoco dei pezzi d'artiglieria della Korean People's Army".

Kim ha enfatizzato l'importanza di "realizzare la leadership monolitica del Partito" sui militari, specificando "questioni chiave che devono essere costantemente tenute nella performance militare e politica della forze armate della Corea del Nord".

Il leader ha firmato 7 "ordini" legati alle misure militari discusse, inclusi quelli per consolidare "la responsabilità e i ruoli delle principali istituzioni di formazione militare", organizzare "il sistema di comando militare" e promuovere "il grado militare degli ufficiali al comando".

Ri Pyong-chol, noto per il ruolo strategico ricoperto nello sviluppo degli armamenti del Nord, è stato eletto vicepresidente della Commissione militare centrale.

La riunione è stata la prima apparizione pubblica del leader dall'inaugurazione, fatta il primo maggio, di un impianto di fertilizzanti dopo 20 giorni di assenza durante i quali si erano moltiplicate le voci su un suo presunto precario stato di salute, fino a ipotizzarne la morte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.