Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il vice maresciallo Choe Ryong-hae è il nuovo vicepresidente della Commissione nazionale di Difesa, l'organo istituzionale più alto e potente della Corea del Nord, presieduta dal leader Kim Jong-un. Choe è una delle nomine chiave decise oggi dal nuovo parlamento riunitosi per la prima volta dopo le elezioni dello scorso mese. L'ex ambasciatore in Svizzera, Ri Yong-su, è invece il nuovo ministro degli Esteri.

Choe, tra i più stretti collaboratori di Kim e sospettato a un certo punto di essere finito in disgrazia, ha - in base a quanto riferito dai media ufficiali - preso di fatto il posto di Jang Song-thaek, lo zio e tutore del giovane leader, giustiziato a dicembre con l'accusa di alto tradimento.

L'ottantaseienne Kim Yong-nam continua a essere al vertice del cerimoniale di Stato, ad agire come un capo di Stato de facto. Altra conferma è la rielezione a premier di Pak Pong-ju le cui sorti erano incerte: all'inizio del mese, la stampa sudcoreana, citando fonti governative, ha riferito che Pak era finito nel mirino per i pochi progressi fatti sul difficile fronte del rilancio dell'economia.

L'ex ambasciatore in Svizzera, Ri Yong-su, è il nuovo ministro degli Esteri: Ri era conosciuto per essere stato il tutore del giovane Kim quando, nell'adolescenza, sotto falso nome, studiava in un istituto pubblico alla periferia di Berna, la Scuola media Steinhölzli di Liebefeld/Köniz.

Gli altri due vicepresidenti della Commissione nazionale di Difesa, Ri Yong-mu e O Kuk-ryol, sono riconfermati, mentre Kim Kyok-sik, che aveva guidato il ministero delle Forze Armate e che era considerato un "falco", non fa più parte della Commissione.

SDA-ATS