Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio di sicurezza (Cds) dell'Onu "condanna fortemente" il lancio del missile della Corea del Nord e le "azioni oltraggiose" di Pyongyang, chiedendo che vi "ponga immediatamente fine".

I Quindici, in una dichiarazione al termine della riunione di emergenza di ieri al Palazzo di Vetro, hanno "espresso la loro grave preoccupazione che la Corea del Nord mini deliberatamente la pace e la stabilità regionale, causando gravi timori per la sicurezza in tutto il mondo". "Tali azioni - hanno detto - non sono solo una minaccia per la regione ma per tutti gli stati membri".

La condanna del Cds segue un ennesimo lancio di un missile balistico, nella fattispecie un Hwasong-12, avvenuto ieri all'alba da un sito vicino a Pyongyang.

"È di vitale importanza che la Corea del Nord mostri immediatamente un sincero impegno alla denuclearizzazione attraverso azioni concrete, e mostri l'importanza di lavorare per ridurre le tensioni nella penisola e altrove", chiedono inoltre i membri del Consiglio di sicurezza Onu. "Tutti i membri delle Nazioni Unite - ricordano i Quindici - devono attuare pienamente ed immediatamente tutte le risoluzioni del Cds e in particolare la 2375 e la 2371".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS