Navigation

Corea Nord: Seul, rinunci a missili e ci rimborsi aiuti

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 dicembre 2012 - 09:16
(Keystone-ATS)

La Corea del Sud ha esortato Pyongyang a rinunciare al suo programma missilistico, rispetto al quale nei giorni scorsi la comunità internazionale ha espresso forte preoccupazione, e a cominciare a rimborsare Seul per le centinaia di milioni di dollari in aiuti alimentari percepiti negli anni.

La Corea del Sud ha fornito a quella del Nord 2,6 milioni di tonnellate di aiuti tra il 2000 e il 2007 per un totale di 720 milioni di dollari. Gli aiuti erano rimborsabili in 20 anni, a condizioni vantaggiose, con una prima tranche di 5,83 milioni di dollari prevista lo scorso giugno ma mai arrivata a Seul. Secondo un rapporto pubblicato oggi dalla Corea del Sud, solo quest'anno Pyongyang ha speso per lo sviluppo dei suoi missili 1,3 milioni di dollari.

Nei giorni scorsi, la Corea del Nord ha annunciato di essere pronta a lanciare un missile a lungo raggio tra il 10 e il 22 dicembre. Per Pyongyang, l'iniziativa punta a mandare in orbita un satellite di osservazione terrestre, mentre Usa e Corea del Sud ritengono sia solo il test di un missile a lunga gittata capace di raggiungere le coste americane e di trasportare una testata atomica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.